Chiesa di S. Maria dei Battuti

STORIA

La chiesa di Santa Maria dei Battuti è un piccolo edificio di culto eretto dalla confraternita dei Battuti di Valeriano (flagellanti che promuovevano il culto religioso e si adoperavano in opere di carità) nel 1300.

Nel 1962 iniziò un lungo e scrupoloso lavoro di restauro della chiesa, durato dieci anni, ma durante il terremoto del 1976 la volta crollò e l'edificio riportò gravi danni.

In seguito ad un paziente lavoro di ristrutturazione, concluso definitivamente nel 1996, è possibile ammirare la chiesa in tutta la sua bellezza. La chiesa è normalmente aperta al pubblico anche nei giorni feriali.

ARTE e ARCHITETTURA

La struttura della chiesa è a navata unica con volta a botte, ma ha subito nel corso dei secoli vari interventi di ampliamento. Nel XIV secolo la navata era lunga circa 8,40 m, e l'abside aveva probabilmente forma circolare. Nel XVI secolo la lunghezza complessiva venne quasi raddoppiata, venne costruita l'attuale abside poligonale con la parete di fondo a tre lati e la struttura venne rimaneggiata in più punti. La piccola sacrestia è probabilmente posteriore.

La facciata, che risale alla fine del Quattrocento, è divisa in quattro scene principali. A destra del portale d'ingresso si trova un grandioso San Cristoforo, un tempo attribuito a Giovanni Antonio da Pordenone ma probabilmente opera di Marco Tiussi.

A sinistra del portale si trova invece un affresco del Pordenone raffigurante i santi Valeriano, Giovanni Battista e Stefano. Sopra quest'ultimo dipinto, sempre il Pordenone ha affrescato i Re Magi in adorazione. Infine, sopra la lunetta dell'architrave, si trova una Madonna in trono, parzialmente cancellata, sovrastata dallo stemma dei Savorgnan.

Tutti gli affreschi originari della facciata, risalenti al 1542, sono custoditi all'interno della chiesa, sulla contro facciata, per ripararli dalle intemperie, mentre esteriormente sono state riprodotte delle tracce monocromatiche. Il portale, risalente al 1499, è opera di Giovanni Antonio Pilacorte.

All'interno, la parete sinistra conserva una Natività, opera piuttosto nota del Pordenone e risalente al 1527. Altri affreschi su questa parete sono: una Fuga in Egitto, probabilmente opera di un collaboratore, e un Cristo in Gloria trecentesco.

Sulla parete sinistra della navata si trovano invece una Ultima Cena, una Trinità, un San Niccolò ed una scena naturalistica: tutte opere trecentesche, probabilmente della stessa mano.

L'altare ligneo originario si trova al museo di palazzo Ricchieri, a Pordenone, ed è stato sostituito con un altare in marmo risalente al 1527, ma benedetto solamente nel 1964 in quanto mai utilizzato in precedenza.

La pala d’altare di Gasparo Narvesa, dipinta alla fine del Cinquecento, raffigura la Trinità con la Vergine e San Giovanni Battista, ed in basso i santi Valeriano e Severo. Come anche riportato in una scritta contenuta nell'opera, la pala è stata fatta per adempiere ad un voto del pittore nei confronti di San Severo, avendo sua figlia riacquistato la vista per grazia del Santo.

Visit Pinzano è un progetto di
S.O.M.S.I. Pinzano al Tagliamento
via XX Settembre, 30 - 33094 Pinzano al Tagliamento PN

Mail: somsi.pinzano@gmail.com

 

en_badge_web_generic.png

Scopri la nostra applicazione:

 

© 2020 - S.O.M.S.I. Pinzano al Tagliamento

Iscriviti alla nostra newsletter!